Wathsapp: +39 380 1053198

  • Verona

    +39 045 2323713
  • Verona

    Piazzale Aristide Stefani, 1

Tecnica della timectomia mini-invasiva in VATS

La timectomia mini-invasiva in VATS è una potenziale alternativa alla timectomia tradizionale per via trans-sternale nei casi localmente non molto avanzati. Dal punto di vista tecnico, l’intervento di timectomia in VATS è più complesso e richiede un training specifico del chirurgo, ma una volta appresa la tecnica, essa permette di eseguire lo stesso intervento che si farebbe con la via trans-sternale.

Benché la chirurgia videotoracoscopica del timo sia una procedura sicura in mani esperte, il chirurgo deve saper eseguire manovre di recupero ed emostasi in urgenza, ed essere preparato a convertire in una procedura open laddove necessario.

Sono descritte numerose variazioni tecniche adottate per la timectomia in VATS dai chirurghi esperti.

Per il Paziente non miastenico è sufficiente un approccio monolaterale.

Informazioni sul pectus per studenti, medici e infermieri 2017

Pectus excavatum e pectus carinatum

Malformazioni della parete toracica anteriore

PECTUS EXCAVATUM E PECTUS CARINATUM

I 3 tipi principali di deformità della parete toracica anteriore sono:

il pectus excavatum, conosciuto anche come petto escavato o torace a imbuto

Nella foto, un pectus excavatum in giovane adulto

il pectus carinatum, conosciuto anche come petto carenato o petto da piccione (pigeon breast)

il pectus arcuatum, una variante del pectus carinatum, la più rara.

Esistono anche rare deformità a volte ereditarie, come la Sindrome di Poland, caratterizzata dall'assenza del muscolo pettorale, della mammella e di uno o più segmenti costali dal lato affetto, e nella sua forma conclamata anche da sindattilia (fusione delle dita fra loro).

La nuova chirurgia per le patologie toraciche

Il dottor Maurizio Infante conferma: "Risultati ottimi con degenze brevi"

 

Quali sono le opportunità che offre oggi la chirurgia mini-invasiva per affrontare le patologie toracihe? Quali i traguardi raggiunti e quali le sfide ancora da affrontare con questa metodica?

Tra questi quesiti si muove con grande dimistichezza il dottor Maurizio Infante, laurea in medicina a pieni voti a Milano nel 1986, specializzazione prima in Chirurgia d'urgenza e Pronto soccorso e poi in Chirurgia toracica, ora responsabile della Sezione di Ricerca Clinica, Unità operativa di Chirurgia Toracica e Generale dell'Istituto Clinico Humanitas di Milano.

Preparazione per l’intervento di timectomia

E’ importante che il paziente affetto da Miastenia Gravis sia seguito in centri con specifica esperienza e l’indicazione all’intervento sia condivisa insieme allo specialista Neurologo.

Il paziente deve essere preparato all’intervento con opportuna terapia farmacologica per minimizzare il rischio di un’esacerbazione dei sintomi nel post-operatorio (crisi miastenica), evenienza che si manifesta nel 5-8% dei casi. Il momento migliore per intervenire è quando i sintomi sono sotto controllo con la terapia medica da almeno 2 settimane.

I benefici della chirurgia mininvasiva nella patologia toracica

Fino a 15 anni fa era un'eccezione poter curare le complesse patologie del torace con la chirurgia Mini-invasiva. La terapia tradizionale prevedeva di routine la cosiddetta toracotomia (taglio del torace, con divaricazione delle coste) per accedere agli organi interni.

La cosiddetta Chirurgia Mini-invasiva Video-assistita Toracica, la VATS (Video-Assisted Thoracoscopic Surgery) è nata negli anni '90.

Inizialmente la VATS era riservata solo a procedure minori, o per patologia benigna, come ad esempio: